Criticità R404A e R507: quali soluzioni adottare?

Criticità R404A e R507: quali soluzioni adottare?

Criticità R404A e R507: quali soluzioni adottare?

I prezzi dei gas frigorigeni HFC sono aumentati esponenzialmente nel corso della stagione 2017; il fenomeno è causato dalla scarsa disponibilità di materie prime e da un forte squilibrio che si è venuto a creare tra domanda e offerta, considerato che la quantità di Ton CO2 equivalente (GWP), disponibile per il mercato aftermarket Europeo, risulta estremamente limitata in rapporto alla richiesta totale del mercato.
 
 
Contesto Normativo:

Il Regolamento Europeo F-Gas (UE) n. 517/2014, entrato in vigore il 1° gennaio 2015, oltre a introdurre maggiori controlli e divieti di utilizzo di alcuni gas fluorurati a elevato GWP (impatto sull’effetto serra), sia sui nuovi impianti che in manutenzione dei sistemi esistenti, prevede la progressiva riduzione delle quantità di F-Gas espresse in Ton CO2 equivalente immesse nel territorio dell’Unione Europea, fino a raggiungere un livello minimo del 21% previsto nel 2030 (base 100% riferita all’anno 2015).
 

Problema:

Tale meccanismo, i cui effetti negli anni scorsi sono stati mitigati dalla situazione economica contingente e dall’effetto di scorte di prodotto, immesso in data antecedente al gennaio 2015, nel corso della stagione 2017 sta generando forti criticità e carenza di disponibilità dei prodotti F-Gas, con particolare rilevanza ed effetto sui gas refrigeranti a elevato GWP, quali R404A e R507, che ovviamente erodono più quota a parità di kg metrici.

Considerato che la quantità disponibile, espressa in Ton CO2 equivalente, è un valore finito e in rapida diminuzione, i prodotti con GWP elevato sono anche quelli soggetti ad aumentare di prezzo, secondo la logica > GWP > erosione quota > €/kg.

Il fenomeno si acuirà nell’anno 2018, quando la quota di disponibile in Ton CO2 equivalente si ridurrà, da indicazioni ricevute, in misura del 40-50% di quella resa disponibile nel 2017; inoltre, alcuni produttori leader a livello mondiale hanno già ufficializzato le decisione di cessare o ridurre fortemente l'immissione di R404A e R507 nel territorio dell'Unione Europea a decorrere dal 1° gennaio 2018.

Considerato che la quantità disponibile, espressa in Ton CO2 equivalente, è un valore finito e in rapida diminuzione, i prodotti con GWP elevato sono anche quelli soggetti ad aumentare di prezzo, secondo la logica > GWP > erosione quota > €/kg.

Il fenomeno si acuirà nell’anno 2018, quando la quota di disponibile in Ton CO2 equivalente si ridurrà, da indicazioni ricevute, in misura del 40-50% di quella resa disponibile nel 2017; inoltre, alcuni produttori leader a livello mondiale hanno già ufficializzato le decisione di cessare o ridurre fortemente l'immissione di R404A e R507 nel territorio dell'Unione Europea a decorrere dal 1° gennaio 2018.

Soluzione:

L'unica strada che riteniamo di poter consigliare, per affrontare questo contesto in rapido peggioramento, è quella di sostituire quanto prima i gas refrigeranti R404A e R507 con alternative a GWP ridotto.
Le soluzioni sono già commercialmente disponibili, sia per utilizzo in refrigerazione che in condizionamento; sostituendo i gas impattanti con le alternative a ridotto GWP mettete i vostri clienti e/o il vostro sistema di refrigerazione/condizionamento al sicuro dalla carenza di disponibilità, con conseguenti fermo impianto, e da fortissimi aumenti dei costi di manutenzione periodica.

La tabella seguente fornisce una guida semplificata per la selezione del corretto gas refrigerante "LowGWP" in funzione dell'applicazione e della tipologia di utilizzo.

Per approfomdimenti sui prodotti e scaricare le schede tecniche visita la pagina https://www.generalgas.it/prodotti/hfo-a-ridotto-GWP.htm

 

Condividi questo articolo: